La conversione delle Imposte Anticipate in Crediti di Imposta

La conversione delle Imposte Anticipate in Crediti di Imposta

29 Giugno 2021 News Tax 0

Con l’avvento della pandemia di COVID-19, il Governo italiano ha emanato il decreto-legge n° 18 noto come decreto “Cura Italia”. Di particolare rilievo è l’articolo 55 del dl 18, il quale ha introdotto una interessante novità che prevede la possibilità di trasformare in credito d’imposta, le attività per imposte anticipate (DTA) iscritte su perdite fiscali e sulle agevolazioni “ACE”.

Secondo Banca d’Italia, la Consob e l’IVASS le Deferred Tax Assets o DTA, sono tutte le imposte il cui pagamento è anticipato e sono connesse ad una differenza temporale deducibile. La disciplina fiscale relativa alle DTA prevede, in particolare, che:

  • al verificarsi di perdite d’esercizio accertate nel bilancio individuale le DTA si trasformano in crediti d’imposta;
  • la trasformazione opera per una quota della perdita di esercizio, corrispondente al rapporto tra le DTA e la somma del capitale sociale e delle riserve;
  • l’eventuale quota di DTA che si trasforma in DTA da perdite fiscali, viene convertita in credito d’imposta con contestuale disattivazione dei limiti di recuperabilità previsti per le perdite fiscali;
  • la presente disciplina fiscale delle DTA si applica anche ai bilanci di liquidazione volontaria;
  • qualora il bilancio finale per cessazione di attività, dovuta a liquidazione o fallimento evidenzi un patrimonio netto positivo, la quota di DTA non ancora trasformata in credito d’imposta è in ogni caso oggetto di conversione;
  • il credito d’imposta non è produttivo di interessi e possa essere utilizzato, senza limiti di importo, in compensazione con altri debiti tributari e contributivi all’interno della singola banca e del consolidato fiscale.

Inoltre, è previsto che la cessione dei crediti d’imposta può avvenire solo tra soggetti appartenenti al medesimo gruppo e deve essere operata al valore nominale. Per l’eventuale credito che residua dopo aver effettuato le anzidette compensazioni è prevista la rimborsabilità da parte del fisco.

Focalizzando l’attenzione sull’articolo 55 del decreto “cura Italia” del 17 marzo 2020, si può comprendere come le società e le banche che entro il 31 dicembre 2020 hanno effettuato cessioni di crediti vantati nei confronti di debitori inadempienti, abbiano la possibilità di trasformare in credito d’imposta una quota di DTA iscritte su perdite fiscali riportabili e sull’agevolazione “ACE”, pari a circa il 20% del valore nominale del credito ceduto.  

A fronte di tale meccanismo, le perdite fiscali che sono state oggetto di trasformazione non potranno essere computate in diminuzione dei redditi imponibili futuri conseguiti dalla banca o dalla società.

La principale finalità di tale manovra è quella di incentivare la cessione di crediti deteriorati accumulati, con l’obiettivo di sostenere le imprese e le banche sotto il profilo della liquidità.

Attraverso il meccanismo della cessione, infatti, viene consentita una “spendibilità” finanziaria immediata delle perdite fiscali in luogo del recupero differito agli esercizi in cui verranno conseguiti redditi imponibili positivi capaci di riassorbirle.

Al fine di una migliore e più immediata comprensione del meccanismo di trasformazione dei crediti deteriorati in crediti d’imposta, si propone il seguente esempio:

Supponendo che una banca o una società detenga circa 1.000.000 euro in crediti deteriorati e che intenda usufruire del meccanismo della cessione, l’articolo 55 del dl 18 permette di ottenere un credito d’imposta pari a circa 48.000 euro. Questo risultato è ottenuto convertendo il 20% delle DTA imputate a suddetti crediti (pari circa a 200.000 euro), limite dettato dal decreto, in base imponibile per il calcolo delle imposte; su questa base poi verrà applicata l’aliquota IRES del 24% ottenendo l’importo del credito d’imposta utilizzabile per abbattere il reddito imponibile dell’esercizio futuro.

  • Valore nominale dei crediti oggetto di cessione: euro 1.000.000;
  • Perdite fiscali oggetto di trasformazione (imponibile): euro 200.000 (20% di euro 1.000.000);
  • Credito d’imposta di cui la banca o la società beneficia: euro 48.000 (euro 200.000 * 24%).

Come evidenzia l’esempio, questa manovra permette alle società e alle banche con elevate quantità di crediti deteriorati, di ottenere una monetizzazione immediata delle perdite fiscali e un conseguente sostegno alla liquidità della stessa.

Dato il protrarsi dell’incertezza economica generata dalla pandemia, è in cantiere l’idea di prorogare al 31 dicembre 2021 la facoltà di trasformare in crediti d’imposta, le DTA derivanti da perdite fiscali ed eccedenze ACE.

A cura della Divisione Tax di Consilia Business Management

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *